fbpx
 im Prodotti di stagione

Sprechi a tavola, la spesa a km 0 li riduce del 60%

In Italia sta crescendo la sensibilità ambientale con 30 milioni di italiani che fanno la spesa dal contadino almeno una volta al mese; fare la spesa a km zero e di stagione in filiere corte con l’acquisto di prodotti locali taglia del 60% lo spreco alimentare rispetto ai sistemi alimentari tradizionali.
Sono questi i nuovi dati sullo spreco di cibo in Italia da parte del Ministero dell’Ambiente dai quali emerge che ogni famiglia getta 84,9 chili di cibo all’anno per uno spreco, a livello nazionale, di 2,2 milioni di tonnellate e un costo complessivo di 8,5 miliardi di euro, pari allo 0,6% del Pil.

LE STRATEGIE ANTISPRECO

Oltre a preferire la spesa a km 0 e di stagione che garantisce una maggiore freschezza e durata, come menzionato sopra, ci sono altre strategie messe in atto da quasi tre italiani su quattro che hanno diminuito o annullato gli sprechi alimentari nell’ultimo anno.

Eccone alcune:
fare sempre la lista della spesa per acquisti mirati, ridotti, ripetuti nel tempo e in confezioni adeguate, leggere attentamente la scadenza sulle etichette, verificare quotidianamente il frigorifero dove i cibi vanno correttamente posizionati, scegliere frutta e verdura con il giusto grado di maturazione, riscoprire le ricette degli avanzi.

LA LEGGE 166/16, AL VIA LA DOGGY BAG

Non abbiate timore di chiedere la doggy bag al ristorante: siamo di fronte ad una svolta favorita dalla legge 166/16, con la ristorazione che si attrezza e un numero crescente di esercizi mette a disposizione riservatamente dei clienti confezioni o vaschette ad hoc per portare a casa il cibo non consumato

IL RITORNO DEI PIATTI DEL GIORNO DOPO

Nelle case il 63% degli italiani che ha ridotto lo spreco utilizza quello che avanza nel pasto successivo; sulle tavole degli italiani sono infatti tornati i piatti del giorno dopo come polpette, frittate, pizze farcite, ratatouille e macedonia.
I piatti antispreco sono tanti, basta solo un po’ di estro e si possono preparare per esempio delle ottime polpette recuperando della carne macinata avanzata semplicemente aggiungendo uova, pane duro e formaggio oppure la frittata di pasta per riutilizzare gli spaghetti del giorno prima e ancora la pizza rustica per consumare le verdure avanzate avvolgendole in una croccante sfoglia.
E se avanza del pane, invece, si può optare per la più classica panzanella aggiungendo semplici ingredienti, sempre presenti in ogni casa, come pomodoro olio e sale per arrivare alla più tradizionale ribollita che utilizza cibi poveri come fagioli, cavoli, carote, zucchine, pomodori e bietole già cotte da unire al pane raffermo.
Ma anche la frutta può essere facilmente recuperata se caramellata, cotta per diventare marmellata o piu’ semplicemente macedonia.

E se proprio non si riesce a salvare tutto quanto acquistato, si possono mettere i rifiuti della tavola nella raccolta dell’umido; si otterrà così un ottimo compost per orti e giardini, e nel caso non servisse, il compost ottenuto faciliterà comunque la partecipazione alla raccolta differenziata della città.


GUARDA GLI ULTIMI POST
Recent Posts
Contattaci

Inviaci una mail, ti risponderemo al più presto.

carrello captcha txt