fbpx
 im Prodotti di stagione

PROPRIETÀ E CARATTERISTICHE DELLA MELANZANA

La melanzana (Solanum melongena) è una pianta angiosperma dicotiledone appartenente alla famiglia delle Solanaceae.

Contiene circa il 93% di acqua, il 3% di carboidrati, il 3% di fibre e il 2% di grassi e proteine; è ricca di sali minerali, in particolare il potassio, e della vitamina C.

Questo ortaggio ha inoltre molti benefici: ha virtù depurative, diuretiche, antinfiammatorie e vanta di proprietà rimineralizzanti e ipocolesterolemizzanti.

Per riconoscere una melanzana fresca è utile considerare alcuni aspetti:
– il picciolo, verde e senza parti secche, dev’essere attaccato all’ortaggio;
– la buccia dev’essere liscia e tesa, senza ammaccature, parti nere o ammuffite
– al tatto deve risultare soda.

Salute e benessere

Per l'uomo

Caricati di energia

La melanzana è ipocalorica! Perfetta per chi si vuole tenere in forma!

 

Benessere

La melanzana ha un altro potere antiossidante contro l’invecchiamento e proteggono da infiammazioni ! Ed eliminano il colesterolo!

Per la donna

Ciclo e menopausa

Durante il periodo progestinico la melanzana è un valido alleato.

 

Per la linea

Prova melanzana + peperone + cetriolo + yogurt = smoothie cremoso!

STORIA DELLA MELANZANA

La melanzana è originaria dell’India. La melanzana viene importata in Medio oriente e nel Mediterraneo nel VII secolo e quindi non ha un nome latino o greco. In Italia venne inizialmente chiamata petonciana o anche petronciano.
Il primo riferimento scritto alla melanzana si trova nel Qimin Yaoshu, un antico trattato agricolo cinese completato nel 544. Uno dei primi riferimenti all’Europa si trova invece in un trattato di agricoltura di Ibn Al-Awwam, agronomo della Spagna araba del XII secolo.
Il nome della melanzana deriva dall’arabo ‘badingian‘, mutato poi in ‘petonciana’, ‘petonciano’ o ‘petronciano’. Successivamente è stato aggiunto il prefisso ‘mela’, trasformando la parola in ‘melanciana’ e poi in ‘melanzana’. Il nome, soprattutto fra il popolo, aveva assunto il significato di ‘mela non sana’ per il fatto che l’ortaggio non fosse commestibile crudo.

CURIOSITÀ SULLA MELANZANA

Le melanzane crude non sono buone e in più presentano una grande quantità di solanina, sostanza tossica per il nostro organismo, che può causare mal di testa, febbre, sonnolenza, irritazione della mucosa gastrica, emolisi.
Il segreto per togliere il tipico sapore amaro è di tagliarle a fette e ricoprirle, prima di cucinarle, con sale grosso per almeno 30 minuti.

QUALCHE RICETTA

Polpette di melanzane

Ingredienti

4 melanzane
400 gr  di pane raffermo
2 uova
parmigiano reggiano
q.b. sale
q.b. farina
q.b. basilico
q.b. latte
olio di arachidi

Preparazione
1. lavare le melanzane, tagliarle a cubetti e fatele riposare in un recipiente per circa mezz’ora aggiungendo del sale doppio.
2. far bollire una pentola d’acqua e versare le melanzane
3. quando saranno ammorbidite, dopo circa 20 minuti, scolatele e metterle da parte.
4. nel frattempo mettere il pane raffermo a bagno nel latte, per lo stesso tempo di cottura delle melanzane.
5. in una ciotola aggiungere le melanzane, le uova, il sale, il parmigiano e il pane raffermo sgocciolato, iniziate a mescolare il tutto fino ad ottenere un impasto omogeneo.
6. è possibile aggiungere qualche foglia di basilico per dare sapore al piatto.
7. formare tante piccole polpette e cuocerle in abbondante olio bollente, dopo una decina di minuti saranno pronte.

Torta al cioccolato con melanzane caramellate e albicocche

Ingredienti x 12 persone

2 melanzane
200 gr albicocche
250 gr zucchero di canna
200 gr cioccolato fondente
160 gr burro
100 gr farina integrale
1 tuorlo
20 gr cacao amaro in polvere
2 cucchiai Agar agar
250 ml panna
1 bicchiere succo di albicocca
q.b. nocciole tritate

Preparazione

1. mescolare in una terrina 50 g di zucchero con il tuorlo fino a ottenere una crema, poi aggiungere 60 g di burro o margarina già  lasciata ammorbidire.
2. di seguito incorporare la farina miscelata con il cacao e ricavate un impasto omogeneo.
3. stendere l’impasto in un anello di acciaio del diametro di 18 centimetri posato sulla leccarda rivestita con carta da forno e infornate a 180°C per 20 minuti.
4. tagliare con una mandolina una melanzana a fettine dello spessore di 3 millimetri circa.
5. sciogliere, quindi, a fuoco molto basso in una padella ampia 100 g di zucchero e 50 di burro o margarina, passarli da entrambi i lati 2-3 fette di melanzana, spostarle poi in una padella vuota su fiamma vivace e farle caramellare.
6. proseguire nello stesso modo con le restanti fettine.
7. man mano che sono pronte sistemarle, senza sovrapporle, su carta da forno.
8. ridurre in dadini l’altra melanzana e le albicocche.
9. fare caramellare entrambi in una padella a fuoco vivo con 100 g di zucchero e 50 g di burro o margarina, mescolando
spesso.
10. alla fine frullare il tutto con un frullatore a immersione.
11. versare il composto frullato in un pentolino, poi aggiungere la panna e il cioccolato a pezzetti
12. mescolare sempre e, quando sta per bollire, versate un cucchiaino raso più una punta abbondante di agar agar e fate sobbollire per 3-4 minuti, continuando a mescolare.
13. costruire il dolce mantenendo la base cotta dentro l’anello; disponetevi sopra uno strato formato da circa la metà  delle melanzane caramellate, quindi stendetevi sopra la crema al cioccolato aiutandovi con una spatola e ricoprite con le melanzane rimaste.
14. sistemare la torta in frigorifero per almeno un’ora e mezza.
15, portare a bollore in un pentolino il succo di albicocca con il restante agar agar e proseguire per 2 minuti, sempre mescolando.
16. quando inizia a intiepidire, prima che gelifichi, spennellare con questo composto la superficie della torta, quindi completare cospargendo una-due cucchiaiate di granella di nocciole.
17. riporre di nuovo il dolce in frigorifero per almeno 40 minuti.
18. togliere dal frigorifero la torta almeno 10 minuti prima di servirla, eliminando l’anello o lo stampo.
19. guarnirla, infine, con fettine di albicocca.

SCHEDA TECNICA

Periodo

Giugno – Ottobre

Provenienza

Italia

Calorie x 100g

18

Da consumare

cotta

Recent Posts
Contattaci

Inviaci una mail, ti risponderemo al più presto.

carrello captcha txt